Roma

PROFESSIONE DIRIGENTE N 72

Editoriale del Presidente: Volontà di rilancio oltre la guerra

di Gherardo Zei

Quando l’unica certezza è l’incertezza diventa chiaro che il Paese, le Imprese e anche noi tutti Manager, dobbiamo prepararci ad essere flessibili e a fare riconversioni rapidissime.

La sicurezza innanzitutto

di Stefano Cuzzilla

Federmanager è pronta a far parte del patto di alleanza tra istituzioni, società civile, forze sociali ed economiche per la sicurezza sul lavoro, auspicato dal Presidente Mattarella.

Un'intesa per la formazione di nuovi manager della transizione energetica

a cura della Redazione

Un protocollo di collaborazione per la realizzazione di progetti comuni su industria, ambiente e lavoro, valorizzando conoscenze, competenze e capacità organizzative.

L'equilibrio di genere che fa crescere il PIL e le imprese

a cura dell’Osservatorio 4.Manager

Presentato il Rapporto annuale dell’Osservatorio mercato del lavoro e competenze manageriali di 4.Manager dal titolo “Nuovi orizzonti manageriali. Superare il gender gap:
facciamo goal per ripartire”.

Interagire e confrontarsi con un Head Hunter

Intervista di Renato Fontana a Giulia Iuticone

Il mercato del lavoro sta vivendo un momento di particolare fermento. Ne abbiamo parlato, in questa intervista di Renato Fontana con Giulia Iuticone, dal 2018 alla guida della Practice Financial Officer in Italia per Heidrick & Struggles. 

Assemblea annuale Federmanager Roma

21 giugno 2022 - Hotel Quirinale, Via Nazionale 7

Programma e Convocazione

Pubblicità

Studi Odontoiatrici Dott. Patrizio Serafini

Da tre generazioni, impegno e passione per la cura del vostro sorriso.

La trasformazione di Eni gas e luce in Plenitude

di Antonio Amato

Il 7 marzo 2022 Eni gas e luce è diventata Plenitude, la nuova società di Eni che coniuga la produzione da fonti rinnovabili con la vendita di gas e luce, i servizi energetici e un’infrastruttura di ricarica per veicoli elettrici. 

Conosciamo l’inflazione

di Ruggero Mancini

L’inflazione è uno dei concetti più importanti alla base della comprensione delle dinamiche economiche, soprattutto per la rilevanza e l’ampiezza delle conseguenze per l’economia e i cittadini. 

Una lettura storica dei cambiamenti climatici

a cura della Redazione

Spunti tratti dal volume Demoni, venti e draghi del professor Amedeo Feniello. 

Una giornata ad Ostia Antica con I Viaggi nella storia di Laura D.

a cura della Redazione

Alla scoperta di Ostia Antica con la giovane archeologa, topografa e guida turistica Laura David che ci racconta le meraviglie della città romana.

Pubblicità

Casa di Cura Villa del Rosario

La Casa di Cura Villa del Rosario è gestita dal 1961 dalla Congregazione delle Suore dell’Apostolato Cattolico (Pallottine), con un profondo spirito di accoglienza e di rispetto per l’ammalato.

PROFESSIONE DIRIGENTE N 71

Editoriale del Presidente: Nei momenti difficili il Paese deve affidarsi ai suoi manager

di Gherardo Zei

La capacità di governare i momenti critici è il carattere distintivo del Manager industriale. La sua mano non deve tremare ma per fortuna è allenato per questo.

Le competenze per innovare

di Stefano Cuzzilla

I manager devono guidare il processo di trasformazione digitale del Paese. In questa prospettiva abbiamo sottoscritto un patto di collaborazione con Aused, Cio Aica Forum, Cio Club Italia, Cionet Italia e Fidainform, associazioni di rappresentanza dei manager dei sistemi informativi.

Roma Capitale, Le Linee programmatiche per il governo della città

di Armando Bianchi

Come previsto dalle disposizioni legislative conseguenti all’insediamento della nuova Giunta, è stato redatto il Piano con le Linee Programmatiche del Comune di Roma per il quinquennio 2021/2026. Vediamole nel dettaglio.

Pubblicità

CKF Poliambulatori privati Centri Kinesi Fisioterapici Di Giorno

BOLOGNA-ROMA-COSENZA-LAMEZIA TERME

Il nuovo Progetto Welfare di Federmanager Roma

a cura della Redazione

Giuseppe Straniero, Coordinatore della Commissione Welfare di Federmanager Roma, in questa intervista spiega ed illustra ai lettori un nuovo progetto sperimentale, targato Federmanager Roma.

4.Manager lancia "Rinascita Manageriale"

a cura della Redazione

4.Manager, da sempre in prima linea per la valorizzazione del patrimonio delle competenze manageriali a beneficio della crescita delle imprese, lancia “Rinascita manageriale”, un’iniziativa di politica attiva per il rilancio del Paese.

Al via il servizio di consulenza per dichiarazione dei redditi 2022

a cura della Redazione

In vista dell’imminente appuntamento annuale con la dichiarazione dei redditi, comunichiamo l’attivazione del consueto servizio di consulenza per la compilazione del modello 730.

Pensioni, il cantiere è sempre aperto

di Bruno Benelli

Molti interventi del Governo e del Parlamento per mettere “pannicelli caldi” al sistema pensionistico e previdenziale. Provvedimenti che, come al solito, riconoscono diritti a categorie di lavoratori creando malumori nei gruppi esclusi.

Come cambia la TV: una sfida per il Sistema Italia

di Luca Balestrieri

La riorganizzazione dei media e delle industrie creative, su scala globale, operata da un numero ristretto di grandi player tecnologici pone una straordinaria sfida per le industrie nazionali della comunicazione. 

La transizione energetica eco-razionale della mobilità automobilistica

a cura della Redazione

Transizione energetica e mobilità sostenibile: gli obbiettivi fissati dalla UE, al 2035 e 2050, condivisi dal nostro Paese. Su tutta la complessa materia ne abbiamo dialogato con Alessandro Marchetti Tricamo, direttore responsabile de l’Automobile.

Il PNRR, i Piani delle Ferrovie, le Nuove Regole

di Francesco Del Vecchio

Il PNRR costituisce l’occasione anche per scrivere le regole per la realizzazione degli investimenti pubblici, in particolare nelle infrastrutture, e tra queste segnatamente quelle per il settore ferroviario.

La pandemia ha provocato una recessione al femminile

di Marisella Cardaci e Stefania Santucci

Le donne stanno pagando il prezzo maggiore della crisi innescata dalla pandemia, con l’occupazione sotto il 50%. Dati drammatici  confermati dalla fotografia d’insieme del Bilancio di genere 2021 che il Ministero dell’Economia ha tracciato in linea con le normative europee. 

Più di una Risposta… una Soluzione per te e la tua famiglia

di Tiziano Neviani

Assidai è presente sul mercato da oltre 30 anni con un importante obiettivo: la tutela degli iscritti con un costante riferimento al sistema Federmanager, di cui siamo emanazione.

ROMA CAPITALE, Le Linee programmatiche per il Governo di Roma

ROMA CAPITALE, Le Linee programmatiche per il Governo di Roma

Come previsto dalle disposizioni legislative conseguenti all’insediamento della nuova Giunta, è stato redatto il Piano con le Linee Programmatiche del Comune di Roma per il quinquennio 2021/2026. Vediamole nel dettaglio.

Armando Bianchi, Coordinatore Editoriale Professione Dirigente

Le nuove Linee programmatiche presentate dal sindaco Gualtieri all’Assemblea capitolina lo scorso 19 novembre, tracciano tre grandi obiettivi per i prossimi cinque anni: far funzionare la città per far tornare i servizi pubblici e migliorare la qualità della vita dei cittadini, costruire le condizioni perché la Capitale torni a creare lavoro di buona qualità, a crescere e a trainare la ripresa di tutto il Paese, ricucire le fratture sociali e territoriali, contrastando le disuguaglianze, riavvicinando i quartieri a partire da quelli più periferici.

Gli obiettivi saranno perseguiti sulla base delle tre grandi linee strategiche presupposto del Next Generation Eu: la sostenibilità ambientale, l’innovazione e la digitalizzazione, l’inclusione e la coesione sociale, e con una particolare attenzione alle donne e ai giovani.

Il documento è articolato in 4 grandi capitoli che a loro volta si sviluppano in 31 aree di intervento:

1° Capitolo: LA ROMA DI DOMANI – 5 aree

2° Capitolo: LA CITTÀ CHE FUNZIONA – 10 aree

3° Capitolo: LA CITTÀ CHE CRESCE E LAVORA – 8 aree

4° Capitolo: LA CITTÀ CHE INCLUDE – 8 aree

IL CUORE DEL PROGRAMMA

A prescindere dall’ordine espositivo del documento, il PUNTO CENTRALE di tutto l’impianto è espresso nel primo capitolo (La Roma di domani). Questo si apre con una costatazione: “Roma è in uno dei momenti più difficili, ma al tempo stesso, ricchi di opportunità. Il COVID 19 ha colpito la città quando questa già versava in una condizione di crisi e declino. Da oggi la città si misurerà con una nuova sfida: quella di REIMMAGINARSI”.

Alla base del documento programmatico ci sono due punti fondamentali:

  1. a) UNA CONSILIATURA COSTITUENTE: Roma Capitale appronterà un patto per Roma per una adeguata definizione dei poteri che sarà sottoposta allo Stato e alla Regione. A quest’ultima si richiederà il completamento di alcune funzioni e compiti amministrativi a partire dagli ambiti individuati dalla proposta di legge regionale 317/2016 (sviluppo economico, attività produttive, governo del territorio, trasporto pubblico locale, turismo, ambiente, beni e servizi culturali).
  2. b) IL RILANCIO E LO SVILUPPO (ATTUAZIONE DEL PNRR): L’attuazione del piano nazionale di ripresa e resilienza a Roma è la missione guida dei prossimi cinque anni. Il PNRR è la grande occasione per rilanciare la centralità della Capitale nel sistema Paese e per farla essere motore della ripresa italiana.

Per coordinare le riforme necessarie e gli investimenti nei diversi settori, e per fare arrivare a Roma la quota massima possibile di risorse, verrà istituito un ufficio speciale per sostenere l’azione progettuale dell’amministrazione e i diversi soggetti e le istituzioni coinvolte. L’ufficio speciale si occuperà anche di istruire le proposte di Giunta e Assemblea e faciliterà il confronto tra tutti gli attori del piano.

L’ARTICOLAZIONE DEL PROGRAMMA

I concetti più sopra esposti fissano il perimetro generale dell’azione dell’amministrazione. All’interno di questa cornice il piano dettaglia una serie di punti programmatici così riassumibili:

1 – Far tornare a funzionare la città. Una profonda trasformazione del Governo di Roma.

2 – Porre le condizioni perché Roma torni a creare opportunità di lavoro di qualità.

3 – Ricucire le fratture della città, contrastare le disuguaglianze, riavvicinare i quartieri a partire dai più periferici.

I PUNTI PRINCIPALI DEL PIANO

1) ROMA È LA CITTÀ PIÙ VERDE D’EUROPA

Una estensione di 470 kmq che copre più di 1/3 dell’intero territorio comunale. Il verde pubblico supera quello di Berlino (265 kmq), Madrid (257 kmq), Parigi (33 kmq). L’habitat naturalistico è arricchito da un complesso sistema che prevede 18 km di corsi d’acqua: i fiumi Tevere e Aniene.

Il piano prevede il potenziamento del Servizio Giardini parallelamente al decentramento delle competenze per quanto attiene aree verdi inferiori ai 20.000 mq. Il Tevere e l’Aniene dovranno tornare ad essere parte integrante della vita della città. Anche il rapporto tra Roma e il mare sarà oggetto di iniziative mirate al rilancio e alla rivitalizzazione del litorale.

2) LA CITTÀ DEI “QUINDICI MINUTI”

L’espressione sintetizza l’obiettivo di realizzare un sistema organizzativo di servizi ed un effettivo decentramento che consenta a ciascun cittadino di soddisfare le proprie esigenze nel più breve tempo possibile.

3) UNA RINNOVATA GOVERNANCE SOCIETARIA

Le aziende partecipate, oggi vissute come un peso ed un problema a causa dei molteplici disservizi, verranno rilanciate attraverso un’azione di riordino organizzativo per andare incontro al soddisfacimento delle esigenze dell’utenza.

4) UNA CITTÀ PULITA

Roma produce attualmente circa 1.7 milioni di tonnellate di rifiuti giorno con una percentuale del 44% circa di differenziata. A causa dell’insufficienza degli impianti per il trattamento, ogni giorno vengono spediti in altri comuni o fuori regione oltre 1.000 tonnellate di rifiuti. Per il superamento strutturale di questo stato di cose si punta ad un significativo aumento della RACCOLTA DIFFERENZIATA e la realizzazione di impianti per il trattamento con tecnologie di avanguardia. L’obiettivo finale quello di una città pulita e un abbattimento delle tariffe TARI al momento una tra le più alte d’Italia-

5) UNA CITTÀ DOVE SARÀ FACILE MUOVERSI

Tra le necessità strutturali della mobilità a Roma c’è in primo luogo il riordino e potenziamento della governance del servizio seguendo tre linee di azione:

– valorizzare e potenziare le competenze della struttura amministrativa comunale.

razionalizzare le competenze delle aziende e delle agenzie che si interessano di mobilità vario tipo.

eliminare le sovrapposizioni tra livello comunale e competenze regionali.

priorità assoluta verrà data alla realizzazione delle opere già finalizzate nel PNRR. In questo contesto la cura del ferro sarà uno degli obiettivi chiave. Verrà realizzato un sistema integrato che vede nelle Ferrovie e nelle Metropolitane la nuova ossatura su cui articolare una nuova rete tramviaria. VERRÀ VARATO IL PIANO URBANO PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE. Entro i prossimi due anni sarà aggiornato anche il Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU) che risale al 2015.

6) UNA CITTÀ UNITA DAL CENTRO ALLA PERIFERIA

Verranno attuati programmi tesi ad eliminare i troppi divari territoriali. Verrà varato un PIANO DI RIGENERAZIONE URBANA attraverso l’attuazione di un patto con gli operatori del settore per indirizzare gli interventi verso il recupero di edifici e l’utilizzazione di strutture non utilizzate.

7) UNA CITTÀ A BASSO CONSUMO ENERGETICO

Si procederà alla realizzazione di interventi di efficientamento energetico. L’obiettivo verrà perseguito anche con azioni nel sistema dei trasporti pubblici favorendo la mobilità su rotaia. Verrà progressivamente aggiornato il sistema della illuminazione stradale.

8) LA CITTÀ DELLA MANUTENZIONE INTELLIGENTE

Verranno gestiti in maniera più efficace e tutti gli ambiti della gestione della città attraverso una estensione della digitalizzazione, avviando un programma per la raccolta e la gestione coordinata dei dati prodotti dalla Amministrazione e dalle sue Partecipate.

9) UNA COMUNITÀ EDUCANTE

Per promuovere un duraturo cambiamento della società verranno implementati i servizi educativi e di istruzione, verranno promosse iniziative mirate ad integrare la vita del Comune dei Municipi con le iniziative di operatori privati operanti nel sociale. Al fine di incrementare gli strumenti, verrà effettuata una ricognizione degli immobili e spazi di proprietà comunale da mettere a disposizione. Ci sarà un forte impegno per il progetto SCUOLE APERTE. Le scuole possono rappresentare una struttura di supporto sociale fondamentale anche oltre l’orario scolastico con attività connesse al territorio.

10) UN NUOVO PATTO PER IL LAVORO E LO SVILUPPO SOSTENIBILE

Sarà promossa una stagione di concertazione tra l’Amministrazione, i Sindacati e le Imprese estendendo il confronto alle università e alle strutture scolastiche per includerli nei processi di sviluppo economico. Verrà creata una Agenzia del Lavoro e della Formazione. Una struttura che opererà a stretto contatto con la Regione per assicurare lo sviluppo di impiego e reimpiego. L’Agenzia opererà in stretta sinergia con soggetti pubblici (Cassa Depositi e Prestiti – Invitalia) e privati (Fondazioni Bancarie, Investitori Istituzionali).

11) LA CITTÀ DELLE ARTI, DELLA SCIENZA E DELLA CREATIVITÀ

La cultura presente a Roma è da sempre un elemento fondamentale della identità dell’intero Paese e della proiezione della sua immagine nel mondo. Verrà istituito un Consiglio della Cultura di Roma presieduto dal Sindaco che rafforzerà il rapporto con i principali attori istituzionali nel mondo della cultura. Verrà favorito l’inserimento e la collaborazione dei movimenti culturali di base favorendo l’attività di associazioni private operanti nel territorio. Si promuoverà l’istituzione di Unità Integrata Territoriale per il Patrimonio Culturale. Verrà costituito il cosiddetto “Policlinico del Territorio Culturale” che coordinerà l’attività di Università, CNR, Sovraintendenze, Musei, Parchi, Terzo Settore, con lo scopo di elaborare e valorizzare la memoria storica della città di Roma.

12) LA CITTÀ DELL’UNIVERSITÀ, DELLA RICERCA, DELL’INNOVAZIONE E DELL’IMPRESA

La conoscenza è il principale fattore di crescita e sviluppo economico. L’amministrazione promuoverà e rafforzerà le connessioni tra il mondo accademico e il tessuto imprenditoriale. Il motore delle azioni da realizzare sarà l’oggetto perseguito con la creazione del CONSIGLIO DELLO SVILUPPO ECONOMICO un punto di raccordo diretto con il Sindaco in cui saranno coinvolti imprenditori, ricercatori, operatori della finanza con competenze di indirizzo per il futuro della città.

Verrà istituito il COMITATO SCIENTIFICO DI ROMA CAPITALE al cui vertice verrà chiamato il Premio Nobel Giorgio Parisi. Il tessuto universitario di Roma è di assoluta rilevanza con una popolazione di oltre 200.000 studenti, quattro centri universitari statali, sei centri non statali, sei università telematiche, 24 atenei pontifici. Si tratta di un sistema integrato della cultura della ricerca che non ha eguali n Europa. Nell’ottica della implementazione dei grandi progetti di sviluppo, l’amministrazione darà pieno sostegno al progetto Rome Technopole, sviluppato dalle tre università statali di Roma con Unindustria e la Regione Lazio.

Verrà data attuazione alla realizzazione della Città della Scienza, un’HUB che metta in rete le eccellenze scientifiche già esistenti nella città.

13) LA CITTÀ CHE ATTIRA GLI INVESTIMENTI

Secondo gli indicatori Roma è la città in Europa con la minore attrattività di investimenti. Attueremo iniziative per invertire tale situazione a partire dalle opportunità offerte dai grani occasioni come il Giubileo 2025 e dalla Candidatura ad EXPO 2030. Verrà istituita alle dirette dipendenze del Sindaco, un’agenzia specializzata nell’attuazione di investimenti esteri.

L’agenzia opererà in stretto contatto con Cassa Depositi e Prestiti, con la Regione, le Istituzioni Bancarie per creare le condizioni più favorevoli per l’accesso al credito.

14) TURISMO

È un settore chiave per l’intera vita economica di Roma. Roma è la prima città come meta desiderata a livello internazionale, tra le prime cinque città al mondo come flusso di visitatori. A prescindere dalla crisi pandemica, che ha sconvolto i movimenti turistici, in proiezione con il superamento della crisi sanitaria, verranno attuate strategie di marketing atte a valorizzare e rilanciare il BRAND ROMA. Verrà istituita un’Agenzia per il turismo di Roma.

15) LA CITTÀ DELLE PICCOLE IMPRESE

Il tessuto economico di Roma è fortemente terziarizzato e costituito per oltre il 90% da imprese piccole e piccolissime che vivono di indotto strettamente collegato al turismo. Verranno promosse politiche atte a qualificare le specializzazioni delle attività con particolare riferimento all’artigianato. In questo contesto un’attenzione particolare verrà posta a: Roma Città della Moda, Roma Capitale dell’Agro Alimentare. Con riferimento a questo specifico punto, verranno attivate le procedure per far sì che il territorio dell’Agro Romano venga inserito nei sistemi del patrimonio agricolo di rilevanza mondiale (GIAHS) dell’organizzazione delle Nazioni Unite.

16) ROMA CAPITALE DI UNA SALUTE DIFFUSA

Con le risorse rese disponibili dal PRNN è possibile puntare al miglioramento del sistema sanitario realizzando una maggiore capillarità ed efficienza dei servizi sanitari profittando anche delle opportunità della tecnologia. In particolare, verranno realizzati: 60 case di comunità, 15 ospedali di comunità (strutture per assistenza sanitaria a bassa soglia di intensità e gestione infermieristica), 15 centri per la telemedicina e tele monitoraggio. Inoltre, per rafforzare il ruolo di Roma come Capitale del Biomedicale è fondamentale la candidatura della Città come sede HERA (Health Emergency Responce Authority) la nuova autorità prevista dalla Commissione Europea per la Risposta alle Emergenze Sanitarie.

17) LA CITTÀ IN CUI ABITARE TUTTI

Le politiche per la qualità dell’abitare sono essenziali per la vivibilità della città. Verrà istituita la Agenzia per le Politiche Abitative (APAB). Avrà una governance snella ed un organico composto da professionisti. Verrà realizzato un osservatorio sula condizione abitativa. Verrà effettuata una mappatura dell’utilizzo degli immobili di Roma Capitale facenti parte del patrimonio disponibile. Saranno attuate politiche a sostegno delle categorie più trascurate con la realizzazione di alloggi di piccole dimensioni da destinare a giovani coppie e/o famiglie unipersonali.

18) LA CITTÀ DELLO SPORT

Roma ha un patrimonio sportivo enorme costituito da impianti pubblici e privati. Esiste un ampio tessuto associativo costituito da circa 6.000 ASD (Associazioni Sportive Dilettanti) e SSD (Società Sportive Dilettanti). Verranno rilanciate e supportate. Verrà dato sostegno ad eventi maggiori e minori. Specifica attenzione verrà data alla vocazione sportiva del Tevere.

19) LA CITTÀ PER LE DONNE

Le politiche di bilancio porranno la massima attenzione per gli opportuni stanziamenti per il raggiungimento di tre obiettivi prioritari:

  1. a) pari opportunità.
  2. b) nuovo equilibrio tra tempi di vita e tempi di lavoro.
  3. c) formazione professionale e sostegno finanziario all’imprenditoria femminile.

20) LA CITTÀ PER I GIOVANI

Sono più i giovani che lasciano Roma rispetto a quelli che vi arrivano. Attueremo politiche che mirino ad attenuare ed invertire tale situazione.Verranno realizzate, nei vari quartieri, centri di aggregazione giovanile con ampi spazi di autogestione. Le scuole saranno coinvolte nel progetto grazie al prolungamento degli orari di apertura con la trasformazione in luoghi di aggregazione e di ritrovo.

 

 

Roma laboratorio green, per un futuro a zero emissioni

ROM-E è un evento nel cuore di Roma, una prima edizione ed un punto di partenza perché cittadini, istituzioni e aziende riconoscano nella Capitale un riferimento per l’ecosostenibilità. Un’occasione per un confronto su temi centrali per il futuro della città come la smart mobility e l’esigenza di ripensare il trasporto in città. 

Il 2 e 3 ottobre Roma ha ospitato la prima edizione di ROM-E, un Festival diffuso nel centro della città, con attività dimostrative e educative, sulla ecosostenibilità, sulle nuove fonti di energia e sulla smart mobility. Diffuso perché ha coinvolto più luoghi (piazza San Silvestro, largo dei Lombardi su via del Corso e Villa Borghese, in viale delle Magnolie), creando momenti d’incontro alla scoperta di un nuovo modo di vivere la città.

Un evento patrocinato da Roma Capitale e dal Ministero della Transizione Ecologica, con il supporto dello stesso Campidoglio e degli assessorati dello Sport, Turismo, Politiche Giovanili e Grandi eventi cittadini e da quello delle Politiche del verde, Benessere degli animali e Rapporti con la cittadinanza attiva nell’ambito del decoro urbano.

Una prima edizione che vuole inaugurare un percorso che negli anni si allargherà, provando a fare di Roma una capitale dell’ecosostenibilità, il luogo di riferimento per la decarbonizzazione nel nostro Paese. Una volontà resa ancor più forte dalla candidatura lanciata dal Presidente del Consiglio Mario Draghi ad ospitare l’Expo del 2030. ROM-E intende offrire un luogo di incontro e dialogo tra cittadini, istituzioni ed aziende riconoscendo Roma come vero ed indiscusso riferimento per l’ecosostenibilità.

Foto di Griffin Wooldridge da Pexels

Per riuscire a fare della nostra Capitale un simbolo delle politiche “green” è però necessario un deciso cambio di passo, andando incontro alle richieste e alle scelte che l’Europa impone. Sarà necessaria una riduzione del 35% entro il 2030 delle emissioni di gas ad effetto serra ed un miglioramento di almeno il 32,5% dell’efficienza energetica. Traguardi difficili, tanto più se da realizzare in soli nove anni. Dunque, elettrificazione dei trasporti, utilizzo di energie ricavate da fonti rinnovabili, una mobilità più green ed in genere maggiore attenzione all’ambiente ed al rispetto del Pianeta, diventano esigenze non più rimandabili.

Momento centrale di ROM-E sono stati gli eventi dedicati a visitatori e appassionati. Roma si è trasformata in un laboratorio della sostenibilità. Nella fantastica cornice di Villa Borghese ci si è confrontati con il tema centrale di una differente mobilità. L’obiettivo è stato quello di illustrare al pubblico tutte le proposte oggi disponibili sul mercato, presentando le soluzioni offerte dai partner che hanno aderito.

Tra questi Dott, leader nell’offerta di monopattini elettrici; Carnielli, che ha presentato le sue innovative e-bike; Fercam, operatore logistico da sempre attento ai temi ambientali; Zero Motorcycles, che produce moto elettriche ad alte prestazioni. Infine, i grandi marchi automobilistici come Mercedes, BMW e Mini, che hanno presentato gli ultimi modelli, con la possibilità di test drive in piazza Bucarest.

Ciò che è necessario fare è soprattutto responsabilizzare i cittadini, mostrando come ogni loro scelta possa contribuire alla riduzione delle emissioni di CO2. Servirà un inevitabile cambiamento delle abitudini, ma anche e soprattutto una differente concezione della mobilità in città e di conseguenza delle politiche da adottare.

Roma ed in genere le grandi città in Italia alla fine del secolo passato sono state riprogettate per agevolare lo scorrimento della mobilità carrabile. Oggi, con la necessità inderogabile di ridurre le emissioni, sarà necessario un ridisegno degli spazi, pensiamo ad esempio alla progettazione di piste ciclabili che coprano l’intero territorio cittadino, una nuova concezione degli arredi stradali oggi prevalentemente pensati per il traffico automobilistico. Insomma, Roma green e Roma di domani non potrà prescindere da una mobilità sempre più smart.

Assemblea Ordinaria 2020: Gli Eventi Federmanager Roma del 2019

Assemblea Ordinaria 2020: Gli Eventi Federmanager Roma del 2019

Gli eventi organizzati da Federmanager Roma nel corso del 2019

HEAD HUNTER – 17 gennaio 2019 

Federmanager Roma rinnova il ciclo di incontri con gli Head Hunter, i professionisti specializzati nell’individuare e selezionare manager qualificati e destinati a ricoprire posizioni strategiche all’interno di aziende locali e multinazionali. Al primo appuntamento dell’anno ha portato i suoi saluti il Presidente Giacomo Gargano. L’introduzione, curata da Renato Fontana Consigliere Federmanager Roma, ha preceduto gli interventi di Anna Rita Borraccetti – Amministratore Delegato Metes HR e di Rossella Martelloni Personal Coach. L’intervento di chiusura a cura di Gherardo Zei – Vicepresidente Federmanager Roma.

MEDITERRANEO, SOCIETÀ E CITTÀ SICURE – 30 gennaio 2019

Primo dei Tavoli Tematici del Programma Itinerante 2019 “Sicurezza Italia” a cura della Fondazione Italiana per la Legalità e lo Sviluppo, con la partnership di KSM Security SpA, Istituto di vigilanza Argo e Federmanager Roma. Il Programma nella sua interezza si articola in una serie di incontri, progetti, convegni e manifestazioni incentrati sulla problematica della sicurezza, pubblica e privata, e sulle possibili risoluzioni. L’incontro inaugurale si è focalizzato su “Mediterraneo. Società e città sicure. Intervenuti all’evento: il Presidente Giacomo Gargano, Giuseppe Fausto Milillo – Generale CC in congedo e Presidente della Fondazione, Fabrizio Luciolli – Presidente Comitato Atlantico Italiano, Andrea Chittaro – Presidente AIPSA, Luigi Gabriele – Presidente Federsicurezza, Giovanni Conzo – Procuratore aggiunto Benevento, Umberto Saccone – Presidente IFI, Franco Roberti – Assessore alla Sicurezza e Legalità della Regione Campania, Stefano Candiani – Sottosegretario del Ministro dell’Interno, Angelo Tofalo – Sottosegretario del Ministero della Difesa, Antonio Ricciardi – Comandante dell’Unità per la tutela forestale, ambientale e agroalimentare del Corpo dei Carabinieri e Presidente Onorario della Fondazione.

UNA STRATEGIA ENERGETICA PER L’ITALIA – 30 gennaio 2019

Quale strategia energetica per l’Italia e come affrontare le future sfide nel settore per la realizzazione di un sistema sostenibile e competitivo? Sono stati questi i temi principali del dibattito durante i lavori per la presentazione del rapporto Federmanager – AIEE (Associazione Italiana Economisti dell’Energia) dal titolo “Una strategia energetica per l’Italia – 2° Rapporto. Le vie per la decarbonizzazione e lo sviluppo economico e industriale”. Intervenuti all’evento: il Presidente Federmanager Roma Giacomo Gargano, Stefano Cuzzilla – Presidente Federmanager, Sandro Neri – Coordinatore Commissione Energia di Federmanager, Carlo Di Primio – Presidente dell’Associazione Italiana Economisti dell’Energia, Davide Crippa – Sottosegretario al Ministero dello Sviluppo Economico, Tullio Berlenghi – Capo della Segreteria tecnica del Ministro dell’Ambiente.

LA RIFORMA DELLE PENSIONI 2019 ED I SUOI RIFLESSI SUGLI STRUMENTI DI FLESSIBILITÀ IN USCITA – 4 febbraio 2019 

Presso l’Auditorium FINTECNA si è tenuto un convegno sul tema sempre attuale delle pensioni. Con gli interventi del Presidente Giacomo Gargano, Mario Cardoni – Direttore Generale Federmanager, Rita Comandini – Responsabile dell’area normativa degli ex Fondi speciali dell’INPS, sono state illustrate tutte le novità della nuova riforma previdenziale ed i suoi principali effetti sugli strumenti di esodo messi a disposizione dei lavoratori che non hanno ancora raggiunto i requisiti pensionistici.

QUÉBEC: PORTA D’INGRESSO AL MERCATO NORD AMERICANO – 21 febbraio 2019 

Il convegno ha rilevato come le imprese italiane vivano l’esigenza di una loro internazionalizzazione e, in questo senso, l’apertura al Québec e al mercato canadese rappresenti un’opportunità imperdibile. il Presidente Giacomo Gargano, ha evidenziato come, per accrescere presenza e fatturati delle piccole e medie imprese, siano fondamentali investimenti in manager esperti dei mercati esteri.

GENDER DIVERSITY COME IMPERATIVO ECONOMICO E MORALE – 25 febbraio 2019

Federmanager Minerva Roma ha patrocinato il convegno “Gender diversity come imperativo economico e morale” promosso da AICAS (Associazione Italiana Consiglieri di Amministrazione e Sindaci), che si è tenuto presso la Camera dei Deputati, Aula dei Gruppi. Durante il convegno sono stati presentati due studi sul tema della diversity, l’uno promosso da CONSOB sul “Gender Diversity nei Board e performance delle società quotate”, l’altro da EY-AICAS sulla “Diversità di genere nel mondo aziendale: tra pay gap e utilizzo del talento femminile”. A dibattere sull’esito di tali studi sono stati: Francesca Di Carlo – Dr HR ENEL, premiata Donna d’Eccellenza 2018, Rossella Gangi – Dr HR WIND 3, Andrea Ghidoni – Presidente Comitato Corporate Governance Assogestioni, Maria Bianca Farina – Presidente ANIA e Presidente Poste Italiane, Nadia Linciano – Resp. Studi Economici CONSOB, Mario Napoli – Direttore HR UBI.

DIVENTA PREDA DEGLI HEAD HUNTER – 7 marzo 2019 

Il secondo appuntamento del ciclo Diventa Preda degli Head Hunter si è svolto presso l’Auditorium Federmanager di Via Ravenna. Hanno partecipato all’incontro: il Presidente Giacomo Gargano, il Consigliere Federmanager Roma Renato Fontana, l’Amministratore Delegato di Wyser Italia Carlo Caporale che in solo cinque anni dalla fondazione, ha portato ad essere leader di mercato nel settore della ricerca e selezione di profili di middle e senior management e la Consulente HR e Management, Coach e Trainer Rossella Martelloni. Ha chiuso i lavori il Vicepresidente di Federmanager Roma Gherardo Zei.

5G UNA “RETE” PER LO SVILUPPO DEL PAESE – 21 marzo 2019 

Il convegno “5G una ‘rete’ per lo sviluppo del Paese” organizzato da Federmanager Roma, ha trattato temi quali: l’avvio delle reti di telecomunicazione di nuova generazione 5G e le sue potenzialità per una crescita della managerialità e dell’innovazione. Un’occasione per discutere di tecnologie che, inevitabilmente, cambieranno la vita di ognuno di noi. Intervenuti all’evento: il Presidente Giacomo Gargano, Guelfo Tagliavini – Consigliere Federmanager Roma e Coord. Comm. Innovazione e Tecnologie, Franco Vatalaro – Ordinario di Telecomunicazioni all’Università di Roma Tor Vergata, Alessio De Sio – Direttore Affari Regolatori ed Istituzionali e P.R. ZTE, Luigi De Vecchis – Presidente HUAWEI, Alessandro Francolini – D.G. Ericsson Telecomunicazioni, Massimo Mazzocchini – A.D. Nokia, Elio Catania – Presidente Confindustria Digitale, Giovanni Santella – Direttore Reti e Servizi di Comunicazioni Elettroniche, Gherardo Zei – Vicepresidente Federmanager Roma.

TAVOLO TECNICO SULLE AUTONOMIE REGIONALI – 25 marzo 2019 

Autonomie regionali differenziate: quali prospettive per l’Italia e per la Capitale? Federmanager Roma ha chiamato a raccolta Istituzioni, Tecnici e Stakholder in un Tavolo Tecnico presso lo spazio di Roma Eventi Fontana di Trevi. Con questo dibattito si è voluto favorire un confronto su una questione delicata che oltre a spostare risorse, oltre 21 miliardi di euro, ha ripercussioni politiche, economiche, istituzionali e costituzionali con ricadute considerevoli sul futuro di molti territori. Intervenuti all’evento: il Presidente Giacomo Gargano, Stefano Cuzzila – Presidente Federmanager, il Vicepresidente Gherardo Zei, Andrea Bassi – Giornalista de Il Messaggero, On. Laura Castelli – Vice Ministro dell’Economia e delle Finanze, On. Francesca Gerardi – Vice Capogruppo Commissione Finanze Camera dei Deputati, Adriano Giannola – Presidente Svimez, Nicolò Rebecchini – Presidente Acer, Gianfrancesco Romeo – Capo Ufficio Legislativo Ministro per il Sud, Lorenzo Tagliavanti – Presidente Infocamere, Filippo Tortoriello – Presidente Unindustria Lazio.

VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO – 9 aprile 2019 

Convegno organizzato da Federmanager Roma sullo stress da lavoro correlato e sul ruolo del dirigente rispetto alla valutazione di questo rischio ancora poco conosciuto, ed oggetto solo di recente di approfonditi studi. Intervenuti all’evento: il Presidente Giacomo Gargano, Francesco Rossi – Industrial Safety Institute, Francesca Andronico – Psicologa, Consulente Valutazione Stress Lavoro Correlato, Formatore D.Lgs.81/08, Coordinatore Network Territoriale Ordine Psicologi Lazio, Emanuele Fierimonte – Avvocato penalista “Fierimonte & Partners” Studio Legale, Bruno Piccoli – Coordinatore Centro Medicina del Lavoro privata Fondazione Gemelli, Fabrizio Piras – PhD Psicologo Dirigente Laboratorio Neuropschiatria, Neurologia Clinica e Comportamentali IRCCS Fondazione Santa Lucia, Donato Eramo, Alessandro Leone – Industrial Safety Institute, Paolo Parrilla – Coord. Commissione Sindacale Federmanager Roma, Gherardo Zei – Vicepresidente Federmanager Roma.

PRESENTAZIONE LIBRO: DIARIO DI UN CACCIATORE DI TESTE Oltre Social e Algoritmi – 18 aprile 2019 

Presso l’Auditorium Federmanager si è svolta la presentazione del libro “Diario di un Cacciatore di Teste – Oltre Social e Algoritmi” di Gabriele Ghini – Managing Director di Transearch Italy. Intervenuti: il Presidente Giacomo Gargano, il Consigliere Federmanager Roma Renato Fontana ed il Vicepresidente di Federmanager Roma Gherardo Zei.

INCONTRI POLITICI EUROPEE 2019 – 19 aprile 2019 

In previsione delle Elezioni Europee 2019 Federmanager Roma ha organizzato incontri volti a conoscere il programma dei partiti politici e dei candidati nel Centro Italia (Lazio, Marche, Toscana e Umbria). Sono stati ospiti nell’Auditorium di Via Ravenna, in ordine di agenda: il Vicepresidente del Parlamento Europeo Fabio Massimo Castaldo (Movimento 5 Stelle), il Consigliere della Regione Lazio Fabrizio Ghera (Fratelli d’Italia), la giornalista Tiziana Alterio (Movimento 5 Stelle), la Senatrice Anna Cinzia Bonfrisco (Lega per Salvini), il Sindaco di Terracina Nicola Procaccini (Fratelli d’Italia), il giornalista ed ex deputato Marco Taradash (+Europa) e la Presidente dell’Associazione Culturale Alternativa Europea Olimpia Troili (Partito Democratico).

RACE FOR THE CURE 2019 – 20 maggio 2019

In occasione della ventesima edizione di “Race for the cure”, il più grande evento per la lotta ai tumori del seno, Federmanager Roma, sempre allineata alla filosofia legata alla prevenzione sanitaria e alla corretta applicazione degli stili di vita positivi, ha deciso di costituire la squadra Minerva Roma impegnandosi a versare alla Fondazione Komec, promotrice dell’evento, l’importo pari all’ammontare dell’iscrizione alla gara dei primi cento soci Federmanager Roma.

CYBER SECURITY – 20 maggio 2019 

La Fondazione Italiana per la Legalità e lo Sviluppo è un’organizzazione no-profit riconosciuta “Ente di interesse” ed iscritta nel Registro delle “Persone Giuridiche Private”. Nel 2019 si è impegnata a sviluppare tematiche ed incontri di interesse nazionale. Tra questi il convegno “Mondo Cyber Security” tenutosi a Maggio, presso l’Auditorium Federmanager, in cui si è discusso sulle innumerevoli sfaccettature della problematica della sicurezza virtuale. Intervenuti all’evento: il Presidente Giacomo Gargano, Giuseppe Fausto Milillo – Presidente Fondazione Italiana Legalità e Sviluppo, Fabrizio Luciolli – Presidente Comitato Atlantico Italiano, Guelfo Tagliavini – Consigliere Federmanager Roma e Presidente TESAV, Domenico Vulpiani – Direttore Scientifico Master Cybersecurity Facoltà Economia Politica Università “La Sapienza”, Stefano Mele – Presidente della Commissione Sicurezza Cibernetica Comitato Atlantico Italiano, Giovanni Bottazzi – Capo Nucleo Sicurezza Logica Centro Sicurezza Telematica Comando Generale Arma Carabinieri, Andrea Chittaro – Senior Vice President Global Security e Cyber Defence SNAM, Barbara Ferrario – Presidente Strategic Risk Consulting, Loredana Mancini – Direttore BD Axians Cybersecurity, Daniele Bettarelli – Amministratore Delegato TS-WAY, Angelo Tofalo – Sottosegretario Ministero Difesa.

PRESENTAZIONE DEL LIBRO “LAVORARE NELL’AZIENDA LIQUIDA UTILIZZANDO L’APOFENIA” – 28 maggio 2019

Presentazione del libro “Lavorare nell’azienda liquida utilizzando l’apofenia” in cui gli autori, Massimo Bornengo, Ezio Civitareale e Gianpiero Tufilli, propongono una nuova visione dell’attività lavorativa, esportando il concetto di “società liquida” di Bauman nelle aziende. Intervenuti all’evento: il Presidente Giacomo Gargano, Isabella Covili Faggioli – Presidente Nazionale AIDP, Renato Fontana – Coordinatore Nazionale Gruppo Giovani Federmanager, David Trotti – Presi – dente AIDP Lazio, Cinzia Rossi: dallo strutturalismo alla società liquida, Massimo Bornengo – Autore del libro, Cristina Calabrese – CEO K2People, Annamaria Pa – rente – Vice Presidente Commissione Lavoro del Sena – to, Michele Tripaldi – AIDP Lazio, Gianpiero Tufilli – HR Director ZTE Italia e autore del libro, Marco Mottolesi, Vice Presidente Media Relations – Gruppo HDRA.

A UN ANNO DAL GDPR, COSA È SUCCESSO E COSA SUCCEDERÀ – 29 maggio 2019 

A un anno dall’inizio dell’efficacia del GDPR (General Data Protection Regulation), in un convegno organizzato da Dla Piper e Aigi (Associazione Italiana Giuristi d’Impresa), in collaborazione con Federmanager Roma, è stato fatto il punto della situazione circa l’anno trascorso. Intervenuti all’evento: il Presidente Giacomo Gargano, Francesco Bonini – Rettore LUMSA, Maurizio Rubini – Responsabile Sezione Centro AIGI, Giulio Coraggio – Partner DLA Piper, Luigi Montuori – Responsabile Relazioni Internazionali e con l’UE, Michela Massimi – Responsabile Ufficio Relazioni con il Pubblico del Garante per la protezione dei dati personali, Giulia Zappaterra – Lawyer DLA Piper, Elisa Rosati – Lawyer DLA Piper, Giorgio Aprile – Data Protection Officer Ferrovie dello Stato Italiane, Enrico Ferretti – Managing Director Protiviti Srl, Emanuele Greco – Partner Opentech, Giuseppe Mastantonio – Senior Legal Counsel & DPO Open Fiber, Paolo Quaini – General Counsel Alitalia SAI, Stefania Trogu – Director Litigation & Privacy Lottomatica.

ASSEMBLEA ANNUALE FEDERMANAGER ROMA – 24 giugno 2019

“Sfide da vincere. Siamo Pronti. I manager per il futuro di Roma e della Regione Lazio”, questo il titolo dell’Assemblea 2019 di Federmanager Roma che si è svolta a giugno presso l’Hotel Quirinale di Roma. Personalità del mondo della politica, dell’imprenditoria, dello sport e delle istituzioni hanno offerto il loro contributo di esperienza e professionalità. Sono intervenuti, moderati dalla giornalista Rai Manuela Moreno: Stefano Cuzzilla – Presidente Federmanager, Giacomo Gargano – Presidente Fedemanager Roma, Gennaro Vecchione – Direttore Generale del DIS Dipartimento delle Informazioni per la Sicurezza della Repubblica, Nicolò Marcello D’Angelo – Prefetto già Vice Capo della Polizia, Giovanni Lo Storto – Direttore Generale Luiss Guido Carli, Claudio Lotito – Imprenditore, Mario Trimeri Manager e primo scalatore al mondo ad aver scalato le Seven Summits e le Volcanic Seven Summits, Raffaele Zurlo CEO Brenner Basis Tunnel, William De Vecchis Vice presidente Commissione Lavoro pubblico e privato Senato della Repubblica, Annamaria Parente Vice presidente Commissione Lavoro pubblico e privato Senato della Repubblica, Riccardo Pedrizzi Presidente Nazionale C.T.S. Ucid, Filippo Tortoriello Presidente Unindustria.

DONNE E TECNOLOGIA NELL’EPOCA DELLA TRASFORMAZIONE DIGITALE – 11 luglio 2019 

Su iniziativa del Gruppo Minerva Federmanager Roma si è tenuto a Palazzo Merulana il convegno “Donne e tecnologia nell’epoca della trasformazione digitale” in cui è stato presentato il programma Minerva Roma 2019 ed è stato lanciato il premio Minerva alle aziende. Intervenuti all’evento: il Presidente Giacomo Gargano, Eros Andronaco – Vicepresidente Federmanager, Annamaria Parente – Vicepresidente Commissione Lavoro, previdenza sociale al Senato, Lucia Valente – Professoressa di Diritto del Lavoro Università La Sapienza, Carlo Cafarotti – Assessore Sviluppo Economico, Turismo e Lavoro Comune di Roma, Flavia Marzano – Assessora Roma Semplice Comune di Roma, Massimo Giannini – Ordinario Politica Economica Università di Roma Tor Vergata, Nadia Governo – Head of Telco & Media Senior, Vice Presidente NTT Data, Mauro Marchi – Coordinatore Commissione Organizzazione e Studi Federmanager Roma.

PROTOCOLLO D’INTESA REGIONALE “MANAGEMENT E ETICA” CON UCID – 1 ottobre 2019

L’Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti (UCID) e l’Unione Dirigenti Industriali Lazio hanno siglato, presso la sede di Federmanager a Roma, un protocollo d’intesa regionale sui temi dell’etica e della responsabilità sociale d’impresa. A sottoscrivere il documento sono stati Riccardo Pedrizzi – Presidente di UCID Lazio, Giacomo Gargano – Presidente Federmanager Roma e, in rappresentanza del Movimento Giovani delle due organizzazioni, Benedetto Delle Site e Renato Fontana.

TENNIS AND FRIENDS 2019 – 12 ottobre 2019 

Per il terzo anno consecutivo Federmanager Roma, con Assidai e Praesidium, si è impegnata in tema di salute, prevenzione e benessere degli Associati e delle loro famiglie, e lo ha fatto partecipando a Tennis and Friends, un evento che unisce Salute, Sport, Spettacolo e Solidarietà. Check-up gratuiti con l’equipe sanitaria degli specialisti della Fondazione Policlinico A. Gemelli, nella splendida cornice del Foro Italico con la partecipazione di famosi artisti e personalità del mondo dello sport e dello spettacolo.

SETTIMANA DELLA FAMIGLIA – 25 ottobre 2019 

La tavola rotonda dal titolo “Famiglia: da laboratorio di vita a prima impresa”, prima iniziativa successiva alla firma del protocollo d’intesa tra Federmanager Roma e UCID Lazio si è svolta, presso la Sala dell’Istituto Santa Maria in Aquiro del Senato a Roma, nell’ambito della Settimana della Famiglia, organizzata dall’Ufficio della pastorale familiare della diocesi di Roma con il Forum delle famiglie del Lazio. Intervenuti all’evento: il Presidente Giacomo Gargano, Alessandra Balsamo – Presidente Forum Associazioni Familiari del Lazio, Riccardo Pedrizzi – Presidente nazionale CTS UCID, Matteo Rizzolli – Economista Docente Lumsa, Gigi De Palo – Presidente Nazionale Forum Associazioni Familiari, Vincenzo Bassi – Presidente Federazione Associazioni Familiari Cattoliche in Europa, Benedetto Delle Site – Vicepresidente nazionale UCID Giovani, Gigi Gianola – Direttore Generale Compagnia delle Opere, Adele Ercolano – Istituto Studi Superiori sulla Donna e referente progetto Value@Work, Emma Ciccarelli – Vicepresidente Forum famiglie e responsabile Premio Aziende Family Friendly, Mons. Gianrico Ruzza – Delegato alla Pastorale Familiare del Vicariato di Roma e Vescovo Ausiliare per il Settore Sud.

FOCUS UNGHERIA-ROMA – 7 novembre 2019 

Presso l’Accademia d’Ungheria, un seminario organizzato dalla CCIU (Camera di Commercio Italiana per l’Ungheria), insieme all’Ambasciata d’Ungheria a Roma, la Camera di Commercio di Pest e Federmanager Roma. L’evento ha offerto un’opportunità concreta per conoscere ed apprezzare il sistema economico, normativo, fiscale e finanziario dell’Ungheria, che offre interessanti opportunità e numerosi vantaggi alle imprese Italiane. Intervenuti all’evento: il Presidente Giacomo Gargano, Paolo Orneli – Presidente Lazio Innova, S.E. Ádam Zoltán Kovács – Ambasciatore d’Ungheria in Italia, Zoltán Vereczkey – Presidente Camera di Commercio e dell’Industria di Pest, Francesco Maria Mari – Presidente della Camera di Commercio Italiana per l’Ungheria, Mátyás Jávor – Addetto commerciale dell’Ambasciata d’Ungheria in Italia, Giacomo Pedranzini – Amministratore Delegato di Kométa, Levente Lajos – Partner dello Studio Legale Lajos Law Firm, Giuseppe Caracciolo – Karma Consulting Kft, Claudio Andronico – Consigliere Federmanager Roma & Lazio e Coordinatore GdL “Italia, Mitteleuropa & Balcani.  

DIVENTA PREDA DEGLI HEAD HUNTER – 20 novembre 2019

Ultimo meeting del ciclo, con oltre 160 manager, tra streaming e presenze in aula, che hanno seguito l’incontro con Randstad, una delle più grandi multinazionali che si occupa di ricerca, selezione e formazione di risorse umane per le aziende. Sono intervenuti: il Presidente Giacomo Gargano, il Vicepresidente Gherardo Zei e il Consigliere Federmanager Roma Renato Fontana. Ad esporre i i meccanismi che governano le aziende nella ricerca della figura giusta sono state Sara Portolano – Delivery Management Randstad e Antonietta Palmaccio – HRS Consultant Randstad Hr Solution.

LA RESPONSABILITA’ DEL PERSONALE SANITARIO – 25 novembre 2019 

Presso il Centro Congressi della Fondazione Santa Lucia di Roma, in un focus di approfondimento, si è affrontato il tema della “Responsabilità del personale sanitario”, guardando ai profili deontologici e disciplinari, civili, penali e amministrativo-contabili. Sono intervenuti: il Presidente Giacomo Gargano, Giovanni Tria – Professore ordinario di Economia politica all’Università di Roma Tor Vergata, Tommaso Miele – Presidente sezione giurisdizionale della Corte dei Conti del Lazio, Edoardo Alesse – Direttore Generale Fondazione Santa Lucia.

LA VOCAZIONE DEL LEADER D’IMPRESA – 4 dicembre 2019 

Presso il Centro Studi Americani, si è tenuto un incontro fra padre Robert Sirico, sacerdote americano, presidente e fondatore dell’Acton Institute, i giovani di Ucid (Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti), Unindustria e Federmanager. L’iniziativa, un “business leaders share” con a tema “La vocazione del leader d’impresa”, ha visto i giovani imprenditori e dirigenti d’azienda delle tre organizzazioni dialogare con il presbitero statunitense sulla particolare missione del manager e dell’imprenditore. Intervenuti all’evento: il Presidente Giacomo Gargano, Benedetto Delle Site – Presidente dei Giovani UCID Lazio, Giulio Natalizia – Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori di Unindustria, Renato Fontana – Presidente del Coordinamento Giovani di Federmanager, Pierluigi Germani – Presidente nazionale Giovani UCID, Riccardo Pedrizzi – Presidente nazionale del Cts di UCID, Giancarlo Abete – Già presidente dell’Unione degli Industriali di Roma.

La Questione Romana al tempo del Covid

La Questione Romana al tempo del Covid

Dalla breccia di Porta Pia, di cui ricorrono i 150 anni, al Recovery Fund e al presente, con l’amara constatazione di una Capitale che insegue i problemi invece di tentare di anticiparli, senza programmare il futuro

Il 20 settembre 2020 (sembra un gioco della cabala) ricorrevano i 150 anni dalla breccia di Porta Pia con l’ingresso dei bersaglieri e la fine del potere temporale del Papa. La ricorrenza in realtà non ha avuto molta attenzione mediatica, offuscata dalla risonanza degli eventi relativi alla evoluzione della pandemia.

In realtà anche all’epoca l’opinione pubblica nazionale non si sentì particolarmente coinvolta stante anche la scarsità dei mezzi di comunicazione.

La risonanza che ebbe “l’impresa militare” fu alimentata con immagini e scatti fotografici ricostruiti a posteriori per l’abile regia di Giacomo Altobelli, un fotografo professionista dell’epoca, con il consenso dei vertici militari.

Foto Wikimedia Commons

In realtà la fine dello Stato Pontificio, più che una operazione militare fu l’epilogo di manovre diplomatiche internazionali che videro la Francia interessata a cessare la sua azione protettiva.Ma come era la realtà di Roma in quel momento storico che le riconosceva ed assegnava un ruolo di simbolo della nazione in virtù della sua storia?

È interessante leggere i reportage degli inviati e le osservazioni della gente comune (i militari) che si trovano a contatto con la realtà di una città con un vissuto particolare, con una organizzazione sociale di tipo feudale.

Degna di nota la presenza di Edmondo De Amicis tra gli inviati. Da una sintesi dei rapporti si rileva: una città maleodorante di grasso e broccoli piena di mendicanti, urbanisticamente assurda e priva di ordine, attraversata da greggi di pecore e mandrie di bufali che risalgono il Tevere, ma non ostante tutto una città che emana fascino con il continuo alternarsi di ruderi ed orti. Una immagine tra il bucolico ed il poetico.

Ma quello che è più grave è la descrizione della struttura sociale e produttiva. Un’organizzazione sociale ispirata a valori feudali con il potere accentrato in poche famiglie nobiliari, legittimate fondamentalmente dal potere ecclesiastico. Al contempo una massa popolare costituita da piccola borghesia di commercianti ed un proletariato impiegatizio abituato a vivere con poche responsabilità, basso impegno e produttività.

Il salto al ruolo di capitale fu certamente uno shock. Nel 1870 Roma contava 200.000 abitanti, dopo 30 anni, nel 1900, era arrivata a 500.000. L’esplosione demografica è continuata fino agli anni ‘90 per poi placarsi e stabilizzarsi sui valori attuali, anzi mostrando qualche declino.

La velocità dell’esplosione demografica e la mancanza di programmazione ha determinato l’attuale scollamento tra domanda e disponibilità di servizi.

A pochi mesi dal rinnovo del Consiglio Comunale e l’elezione del primo cittadino, la Capitale si trova in uno stato di profondo degrado da tutti i punti di vista sia delle strutture sia morali. Ci vorrà una forte presa di coscienza nazionale e quindi una forte determinazione politica per varare un programma pluriennale per tentare di ridare un’immagine adeguata al suo rango di Capitale.

Nel recente studio di Federmanager Roma Le prospettive di Roma Capitale alla luce delle tendenze in atto, presentato a febbraio 2020, si è tentato di individuare le linee di tendenza delle principali componenti sociali ed economiche, raccogliendo un ampio consenso da parte del mondo accademico e degli operatori, senza alcun riscontro da parte del mondo politico e di chi ha la governance del territorio.Può sembrare fuori tempo e fuori tema sollecitare di nuovo, proprio in questo momento, il dibattito intorno alla inadeguatezza di Roma e alla sua caduta di immagine, in un momento in cui tutte le energie sono concentrate nel contrastare l’espansione del virus, mettendo al primo posto la tutela della salute.

Ma non sono d’accordo. La crisi in cui si dibatte l’Italia e con lei gran parte del mondo, è anche la conseguenza di una cultura che rimanda sempre il momento dell’intervento preventivo, della programmazione preventiva a favore del contingente. Ricordiamo tutti le critiche a Bertolaso per aver realizzato un ospedale in un momento in cui il peggio sembrava passato.

Siamo portati per cultura ad impegnarci sul contingente ignorando che il domani arriva prima di quanto immaginiamo e quindi siamo sempre in ritardo, inseguiamo i problemi invece di tentare di anticiparli.

La crisi dell’epidemia da Covid è soprattutto la crisi del sistema sanitario figlia di quando abbiamo plaudito alla chiusura degli ospedali, alla riduzione dei posti letto, alla limitazione all’afflusso alle discipline sanitarie (medici ed infermieri).

 Non dobbiamo perpetuare nell’errore, non dobbiamo rinunciare a pensare al futuro, perché impegnati a tamponare il presente.

Tornando a parlare di Roma, un tema evidenziato con forza dal virus è, in primo luogo, l’assoluta inadeguatezza dell’assetto istituzionale in termini di attribuzioni di poteri e responsabilità, in cui è sempre più evidente la confusione e l’inadeguatezza dell’assetto attuale, con un intreccio e rimbalzo di responsabilità tra comune (Capitale), regione e Stato centrale.

Un esempio per tutti: appare ormai evidente l’inadeguatezza della rete dei medici di base, come numero, come dimensione degli studi, come attribuzioni di responsabilità. Una ristrutturazione di questa realtà, con implicazioni e risvolti non solo economici in una città come Roma, a chi compete? Dobbiamo aspettare la fine della pandemia perché qualcuno cominci a dipanare la matassa dell’intreccio di interessi e visioni diverse per avviare un programma?

E come per la sanità riflessioni analoghe potrebbero farsi per tutti gli altri principali settori.

Non vale l’alibi che dobbiamo aspettare italianamente che passi la nottata, nella vita c’è sempre una nottata che passa, dobbiamo attivarci e programmare cosa faremo non solo all’alba di domani ma anche a quelle dei giorni seguenti.

 

L’ASD Atletica Futura Roma

L’atletica leggera è tra gli sport maggiormente inclusivi. Da oltre trenta anni l’Associazione Sportiva Dilettantistica Atletica Futura Roma avvia giovani alla pratica sportiva, formando ottimi atleti che non di rado diventano campioni. A dimostrarlo la storia di successi del giovane Yupo

Il 3 dicembre di ogni anno ricorre la giornata mondiale delle persone con disabilità volta a promuovere i diritti dei disabili ed intraprendere azioni per la loro inclusione in tutti gli aspetti della vita sociale, politica, culturale ed economica. Dal 2010 in Italia esiste la FISPES, federazione riconosciuta dal CONI, che persegue lo scopo di permettere la pratica sportiva anche a persone con gravissime disabilità.

Al riguardo vogliamo sottolineare come la disciplina sportiva più inclusiva sia l’atletica leggera. Infatti, a differenza di altri sport che richiedono ai praticanti particolari caratteristiche fisiche (ad esempio basket, pallavolo, rugby), l’atletica non esclude nessuno. Giovanissimo o in età matura, filiforme o ben piantato e muscolato, veloce o resistente, troverai sempre una specialità a cui dedicarti. non per niente l’atletica viene considerata “sport di base” per eccellenza in quanto propedeutica a ogni pratica sportiva. L’ASD Atletica Futura Roma

A Roma e nel Lazio, si distingue per la pratica agonistica, i risultati conseguiti e i tanti giovani talenti prodotti, lAssociazione Sportiva Dilettantistica Atletica Futura Roma fondata da un gruppo di amici nel 1989.

Anche aggregando diverse società giovanili, soprattutto di Roma e provincia (Tivoli, Bracciano, Fiumicino, Tarquinia), dedite soprattutto al reclutamento e all’avviamento alla pratica dell’atletica leggera, la Futura nel corso degli anni ha raggiunto e consolidato una posizione di rilievo in ambito nazionale. In particolare, dal 2013 la società partecipa alla finale “oro” del campionato di società assoluto competendo con le più forti e blasonate compagini italiane. Rilevanti le 96 medaglie ad oggi conseguite nei vari campionati nazionali individuali e a squadre, nonché le 25 presenze di atleti in rappresentative italiane partecipanti a manifestazioni internazionali.

Ben si comprende lo spirito educativo e formativo che realtà sportive come Futura hanno per i giovani atleti. Diventa dunque un obbligo supportarle ed aiutarle tanto più in un momento particolarmente difficile come quello a cui il Covid ci ha costretto.

Yupun Priyadarshana Abeykoon Mudiyanselage (per gli amici semplicemente Yupo)

Nel corso dell’anno 2020, di assoluto prestigio il titolo italiano assoluto conquistato nella staffetta 4×400 nonché l’eccezionale 10.16 sui 100 metri ottenuto dal tesserato, di nazionalità cingalese, Yupun Priyadarshana Abeykoon Mudiyanselage (per gli amici semplicemente Yupo). Il ragazzo, in Italia dal 2015 e tesserato dal 2016, dapprima è stato seguito dal tecnico Maurizio Raparelli ottenendo immediatamente, nel biennio 2016/17, tempi inferiori a 10.60 e il personale a 10.51. Lo stesso Raparelli, resosi conto dell’enorme potenziale di Yupo, con l’appoggio della Futura e con la gradita disponibilità del Gruppo Sportivo delle Fiamme Gialle, ha suggerito e fatto in modo che l’atleta fosse ospitato, per gli allenamenti e successivamente anche a pensione, nella struttura di Castel Porziano. Da quel momento Yupo, già vincitore nel 2017 dei 100 metri ai campionati in Sri Lanka, ha cominciato il progressivo salto di qualità, stabilendo nel 2018 il personale sui 100 in 10.31 e, nel 2019, vincendo sempre i 100 e contribuendo alla vittoria della Futura anche nella staffetta 4×100 nella finale dei Societari a Firenze.

Poi nel 2020, avvalendosi già dall’autunno 2019 della preziosa assistenza di Claudio Licciardello (tecnico delle Fiamme Gialle, ex quattrocentista che nel 2008, alle Olimpiadi di Pechino, corse in 45.25 sfiorando il record italiano), i progressi di Yupo sono apparsi sempre più evidenti fino all’esplosione lo scorso 8 settembre nel meeting di Dessau, dove, battendo Deniz Almaz, in quel momento primatista stagionale europeo, ha corso nel fantastico 10.16. A questo punto, nella convinzione che il potenziale dell’atleta sia ancora non espresso completamente, non possiamo che augurargli di poter partecipare alle prossime olimpiadi, partecipazione che rappresenta il sogno di ogni agonista sportivo.

Per chi volesse entrare in contatto con l’Associazione Dilettantistica Sportiva Atletica Futura Roma può contattare direttamente gli uffici Federmanager Roma all’indirizzo mail segreteria@federmanager.roma.it e al numero telefonico 0644170810.

Convenzione – Ristorante Il Vero Alfredo

Il ristorante Il Vero Alfredo fa parte dei Negozi storici di Eccellenza ed è stato valorizzato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo quale “bene culturale” per la sua tradizione storica di famiglia che vanta tre generazioni di ristoratori. Il ristorante è noto in tutto il mondo per le “fettuccine all’Alfredo” (meglio conosciute all’estero “fettuccine Alfredo”), apprezzate da clienti celebri come John Kennedy e Robert Kennedy, i Reali di Spagna, Woody Allen, molti attori di Hollywood ed altre personalità famose in ogni campo della Scienza, dell’Arte e dello Spettacolo.Alfredo Di Lelio fu colui che inventò questa “ricetta”, molto semplice a base di burro e parmigiano, per sua moglie Ines che aveva appena partorito il suo figlio primogenito nel lontano 1908. Così cominciò con un gesto d’amore il lungo percorso di questo piatto che ha fatto e continua a fare il giro del mondo, il cui gusto è sempre lo stesso, come se non fossero passati tutti questi anni.

Abbiamo il piacere di riservare una particolare attenzione agli associati Federmanager Roma per far loro scoprire sapori gastronomici con l’atmosfera di vissuti importanti.   

Lo sconto che sarà praticato agli associati è del 15%.

 

Il Vero Alfredo

Piazza Augusto Imperatore 30

00186 – Roma

Per informazioni e prenotazioni: 066878615 o 3382448881

Potete visitare il nostro sito web www.ilveroalfredo.it

 

Per info: convenzioni@federmanager.roma.it

Roma: dalla crisi la forza di crescere

L’assessore allo Sviluppo Economico, Turismo e Lavoro del comune di Roma Carlo Cafarotti ha risposto ad alcune nostre domande. Cerchiamo di capire come, in ambiti strategici per la ripresa economica, la capitale stia reagendo alla crisi post coronavirus

Seppure in sofferenza, con ancora negli occhi e nella memoria il dramma di oltre 60 giorni di lockdown e di una città spettrale come non l’avevamo mai vista, Roma, la Capitale, sta ripartendo. Tante le incognite legate al presente e al futuro, da un’economia cittadina che con fatica sta provando a rimettersi in moto, ad imprescindibili necessità, come la ripresa del flusso turistico e la pianificazione di interventi a favore dei cittadini. Per cercare di fare chiarezza e di comprendere come l’amministrazione intende rispondere a queste e ad altre urgenze, abbiamo rivolto qualche domanda a Carlo Cafarotti, assessore allo Sviluppo Economico, Turismo e Lavoro del comune di Roma. Ci auguriamo che questi mesi faticosamente trascorsi possano rappresentare un’occasione di rinnovata crescita per la città. Federmanager Roma, come recentemente sottolineato in occasione della presentazione dello studio “Le prospettive di Roma capitale”, crede che la nostra città, tanto più oggi, abbia bisogno di ritrovare fiducia nel futuro e recuperare una visione a lungo termine che superi l’emergenza.

Carlo Cafarotti, Assessore allo Sviluppo economico, Turismo e Lavoro del comune di Roma

Alla luce del Decreto Rilancio e delle misure preventive imposte per la Fase2, come giudica la risposta di Roma? La Capitale è pronta a ripartire? Di cosa non si potrà fare a meno per riavviare l’economia della città?

 A mio avviso Roma si è correttamente riavviata verso la ripartenza: il terziario avanzato ha fatto ampio ricorso allo smart working, e con successo direi. Purtroppo tanta parte del PIL romano è legato alla presenza fisica delle persone, dei clienti. Basti pensare all’industria del turismo e a tutte le imprese in generale, che faticano a tornare ai livelli precedenti di redditività necessaria a garantirne la sopravvivenza. I flussi di turisti e in generale la presenza fisica delle persone sono in tal senso irrinunciabili.

Ha dichiarato recentemente che è massima priorità del suo assessorato salvare commercio e turismo e ha rivolto in tal senso un appello al ministro Franceschini. Ha avuto qualche riscontro utile? Quali sono a suo avviso gli ostacoli più grandi e quali le misure indispensabili per consentire al comparto di ripartire?

In parte abbiamo avuto riscontro, è oltremodo necessario lavorare con ENIT al piano di comunicazione coordinato del “Sistema-Paese Italia”, una campagna nazionale per il rilancio del settore. Il turismo merita molta attenzione, dato il suo peso economico. Di sicuro, una chiave per la riconquista dei flussi di turisti stranieri è quella della sicurezza sanitaria: ad oggi, la “destinazione Italia” potrebbe essere ancora percepita come “rischiosa”. A questa suggestione vanno contrapposte iniziative puntuali, mi riferisco in particolar modo alle certificazioni “Safe Tourism” cui stiamo lavorando e che, a mio avviso, ogni città e regione dovrebbe conseguire, per l’intera filiera turistica, unitamente a una relativa campagna marketing.

Sul fronte Lavoro, come ha reagito Roma alla crisi dovuta alla pandemia? Quali passi ha compiuto e intende compiere l’amministrazione capitolina per aiutare gli imprenditori e sostenere l’occupazione sul territorio?

Nei limiti delle disponibilità finanziarie degli Enti Locali, abbiamo posticipato tutti i maggiori pagamenti dovuti (es. tassa di soggiorno, COSAP, TARI, etc.) proprio per dare un respiro alle casse delle aziende. A Roma, stiamo lavorando all’esenzione COSAP per l’anno 2020. Quanto all’ipotesi di annullamento degli altri tributi, come richiesto da più parti, è necessaria una compensazione governativa.

Su Roma sono stati realizzati molti studi e relativi convegni. Tra questi ricordiamo: lo Studio promosso dalla Camera di Commercio (coordinato dal prof. De Masi), quello presentato da Unindustria (con la collaborazione di European House Ambrosetti) e, ultimo in ordine cronologico, lo Studio Federmanager Roma in collaborazione con l’Università La Sapienza. Tutti questi lavori hanno un unico comun denominatore: la necessità di dare un indirizzo strategico di medio-lungo periodo alle iniziative di rilancio della Capitale. Quale il vostro progetto a riguardo?

La pianificazione strategica è al centro del nostro operato: abbiamo già concluso i lavori nel settore del turismo, con il piano FUTOUROMA. In questo momento stiamo lavorando alla pianificazione dell’intera filiera agroalimentare: dalla produzione alla nutrizione, il cosiddetto “Piano Agrifood”. Successivamente avvieremo i lavori con focus sullo “Smart Business“, focalizzandoci sull’utilizzo intensivo delle tecnologie. La visione strategica della città è fondamentale e plasmerà lo sviluppo della capitale nei prossimi anni: questo lavoro sarà patrimonio della Capitale.

Prima del lockdown il suo assessorato aveva dato avvio ad una serie di consultazioni con le parti sociali e altre istituzioni, compresa Federmanager Roma, per avviare un percorso programmatico. Il discorso è riprendibile?

Assolutamente sì, la partecipazione di tutti gli stakeholder, coordinata dall’Ente, è un ingrediente necessario al buon esito del percorso programmatico.

In proposito uno dei problemi ricorrenti (non solo per la realtà di Roma), enfatizzato anche nella gestione della pandemia, è rappresentato dalla complessità dei rapporti tra istituzioni: regioni, comuni, aree metropolitane e ciò che resta delle province. Come avviare una sinergia concreta tra le parti?

Ho potuto toccare con mano gli effetti collaterali della frammentazione di responsabilità tra gli Enti ed assistere a casi di mancato coordinamento tra gli stessi. Con i colleghi regionali di riferimento (Sviluppo Economico e Turismo) c’è un buon canale. Osservo però che la Capitale d’Italia non dovrebbe essere istituzionalmente intermediata dalla Regione nei rapporti con il governo, questo molto spesso è causa di rallentamenti. Ritengo che la riorganizzazione di questi processi e interazioni dovrebbe essere frutto di un lavoro dedicato da parte del Governo e del Parlamento, perché la stratificazione di competenze, e leggi, rende tutto estremamente farraginoso.

Stefano Cuzzilla: Capacità a disposizione del Paese

Stefano Cuzzilla, presidente di Federmanager, ribadisce come Roma e la Regione Lazio debbano diventare il motore per il rilancio del Paese. Per far ripartire l’economia in Italia indispensabile è il ruolo dei manager, insieme ad una maggiore intraprendenza della politica, tutelando gli interessi delle categorie più deboli come giovani, donne e pensionati

Ad aprire i lavori dell’Assemblea annuale di Federmanager Roma, di fronte ad un foltissimo pubblico, è stato Stefano Cuzzilla, Presidente Nazionale di Ferdermanager. L’intervento ha avuto un toccante prologo: un doveroso ricordo e l’invito ad un minuto di raccoglimento per Domenico Gargano, padre di Giacomo Gargano presidente di Federmanager Roma: “una persona di enorme spessore umano, un manager capace e preparato ed un amministratore che tanto ha fatto per la città di Cassino e per l’intero basso Lazio”.

Rivendicando con orgoglio la sua romanità, Cuzzilla ha voluto comunque salutare con entusiasmo l’assegnazione delle olimpiadi invernali a Milano-Cortina. Ha ricordato come “la capitale e la regione Lazio devono rappresentare il motore per il rilancio del Paese. In questa Regione – ha precisato – vantiamo settori importanti, dal farmaceutico all’edilizia, passando per la meccanica, la logistica e i servizi. Sono realtà che vanno sostenute”.Non è mancato un plauso all’ottimo lavoro di Federmanager Roma e del suo Presidente Gargano: “Un lavoro difficile in una città complicata , terreno di scontri, di battaglie politiche, di difficoltà quotidiane, dalle manifestazioni alle metropolitane chiuse. Dobbiamo essere forti e di Giacomo ci fidiamo, una persona seria che avrà la nostra totale vicinanza oggi, domani e sempre”. Le amministrazioni pubbliche, la politica e le organizzazioni di rappresentanza di manager e imprese devono dialogare.

Stop innanzitutto alla burocrazia che “pesa il 4,6% del PIL” ed un sì convinto alle infrastrutture: “gridiamo mille volte sì alla TAV, è importante fare opere ed offrire prospettive agli imprenditori”. Le potenzialità che l’Italia offre, per posizione geografica e storia, non vanno mai dimenticate. “Nasce dunque l’imperativo del ‘fare’, dare lavoro e dare sicurezza ai nostri imprenditori”.

La classe manageriale ha in questo un’enorme responsabilità e Federmanager, ha precisato Cuzzilla, non l’ha mai negata né sottovalutata: “Per questo abbiamo deciso di lanciare Governance 2020”. Ricordiamo che si tratta di un’iniziativa che si avvale del supporto di Spencer Stuart, società leader nella consulenza in tema di Corporate Governance. Governance 2020 si sostanzia in una call ai manager iscritti alla Federazione che hanno maturato esperienze adatte a far parte degli organi amministrativi e di controllo di società quotate e delle più rilevanti società non quotate, sia pubbliche che private. “Federmanager – ha sottolineato Cuzzilla – ha accettato questa sfida, cercherà di presentare nomi dalle elevate competenze, senza fare patti con la politica finalizzati al voto”.Ma le sfide non finiscono qui. Aiutare i giovani è un’assoluta priorità: “è necessario far fruttare i sacrifici delle famiglie, non abbandonarle e far sì che i loro figli possano, qui in Italia, investire sul loro futuro”. Aiutare le donne, garantendo loro di lavorare in assoluta tranquillità “senza l’incubo di una maternità che possa far perdere il lavoro o le proprie qualifiche. Tutto questo non lo permetteremo”, sottolinea Cuzzilla, aggiungendo: “tutte le aziende che nei loro Cda vedono una forte presenza femminile hanno saputo reagire meglio alla crisi”.

Stare vicino ai pensionati: “Sono pronti, presso la CIDA, i ricorsi per tutelare chi ha lavorato una vita, ha versato i propri contributi ed ora si vede mettere in discussione diritti acquisiti. Sono persone da difendere, da tutelare, uomini e donne che hanno investito sul loro futuro, hanno aiutato i figli ed ora vedono in pericolo i loro diritti”. Sanità integrativa e previdenza sostitutiva offerte dagli enti collaterali rappresentano le best practices di Federmanager: “mettiamo le nostre capacità a disposizione del Paese”. Uguale attenzione assicura il Presidente nazionale sarà garantita a chi ha perso il proprio posto di lavoro. In questo senso, ha ricordato Cuzzilla, si stanno portando avanti progetti importanti tra i quali 4.Manager in collaborazione con Confindustria.