Bussola Welfare

Bussola welfare per aziende e dirigenti

Bussola welfare per aziende e dirigenti

Si avvia alla conclusione il progetto “Una bussola welfare per aziende e Dirigenti”, progetto sperimentale con cui Federmanager Roma mira a far emergere i fabbisogni dei Dirigenti e le risposte delle Aziende nella delicata attività di definizione ed implementazione dei piani di welfare.

Promosso dalla Commissione Welfare e sposato all’unanimità dal Consiglio Direttivo della Federazione di Roma, il piano ha adottato un approccio altamente innovativo che ha contemplato la misurazione del grado di efficacia ed adeguatezza dei modelli di welfare aziendali rispetto ai fabbisogni specifici dei lavoratori.

Ad essere impiegato è stato, in particolare, un inedito indicatore, denominato Welfare Rating, brevettato da Italian Welfare, società di primaria esperienza nel campo del welfare integrativo.

Stefano Castrignanò, Titolare e Fondatore di Italian Welfare

Si tratta del primo metodo algoritmico di valutazione in grado di comparare i modelli di welfare adottati dalle aziende attraverso un semplice indice numerico.

Sono state scelte Aziende in base alle loro caratteristiche e all’interesse dimostrato.

Per questo mi sento di ringraziare pubblicamente i direttori HR che sono stati i nostri interlocutori, con l’auspicio che si tratti di un inizio di collaborazione sui temi del welfare. Federmanager Roma ha una consolidata esperienza sul tema con best practices da tempo in atto.

Destinatarie del progetto sono state per ora sei aziende campione del territorio laziale – Acea, Ericsson, Avio, IGT Lottery, Sogei e RAI – e, segnatamente, le direzioni HR delle stesse, veri anelli di congiunzione e snodo di tutte le politiche di welfare.

L’assesment sui sistemi di welfare aziendale è stato quindi condotto da Italian Welfare sulla scorta di un’indagine iniziale circa la progettualità adottata da ciascuna impresa nelle seguenti macro-aree: previdenza complementare, assistenza sanitaria, work life balance, welfare aziendale, sostegno al reddito, prestazioni socio-assistenziali, formazione, attività ricreative e di benessere.

Prossimamente le aziende selezionate a partecipare a questo progetto saranno invitate ad una discussione pubblica nella quale sarà presentato uno studio, la c.d. “Survey Welfare Model”, recante gli esiti complessivi delle indagini condotte sulle aziende coinvolte nel progetto, in cui si darà atto delle best practice e dei trend registrati nelle iniziative di welfare aziendale.

In pratica, partendo dagli strumenti di welfare messi a disposizione dall’azienda, si è definita una road map generata sulla scorta dei risultati delle indagini condotte, individuando le aree prioritarie di intervento delle future iniziative.

In questo modo si è ottenuto un duplice risultato: avere uno strumento di conoscenza e di indirizzo strategico per l’adozione di politiche future e ovviare allo spreco di risorse economiche.

Sostenibilità e inclusività sono da sempre valori-guida dell’azione di Federmanager e che anche con questo progetto stiamo cercando di ribadire.